Sperare è… passare il testimone!

I ragazzi del Dopo Cresima continuano il percorso di catechesi esperienziale alla scoperta del dono di sè e di sequela di Gesù, accompagnati da Suor Elisabetta. Questa volta i temi del cambiamento, delle relazioni, dell’affettività, sono stati affrontati partendo da una testimonianza diretta. I ragazzi hanno accolto Mariella e attraverso la sua storia hanno ascoltato un’esperienza di vita vera che scuote, interroga, fa riflettere e mette anche davanti al dono immenso della vita e degli affetti.

Da ferite a feritoie: come Dio trasforma i nostri errori in vocazioni

Chi siamo? Perché siamo? Domandoni che l’uomo si pone a qualsiasi età e tappa della vita che può segnare un déclic. La risposta è nella nostra natura umana: siamo figli, siamo amati. Siamo fatti per essere in relazione, da quella principale che è fondante (con Dio Padre) a quelle che ci costituiscono nel quotidiano (genitori, amici, educatori..). Sono le relazioni a renderci felici, ma quando una di queste viene a mancare, il nostro equilibrio crolla. E’ quello che ha raccontato Mariella ai ragazzi: quando l’equilibrio crolla, quando subiamo ferite, capita che facciamo errori, ci sediamo ai bordi della strada vedendo la vita che passa e la perdiamo. Come? Sono tanti i nemici di cui possiamo cadere vittima. “Per me è stato l’alcool – dice Mariella – era a disposizione facilmente, costava poco e nessuno mi ha mai ostacolato. Mi ero circondata di persone che non erano amici veri, solo compagnie di bevute”.

La convinzione di autocontrollo spinge ad andare sempre oltre, fino a toccare il limite. Ma quando tocchiamo il limite, ecco che arrivano “gli angeli della Caritas”, come li chiama Mariella, persone amiche che vengono a rialzarci e a spiegarci l’amore, a dirci che non è finita, che la vita è un dono troppo importante per lasciarcela sfuggire.
Dio è talmente grande che fa dei dolori subiti e degli errori commessi, delle vocazioni alla vita. E Mariella con la sua storia ci ha fatto un dono, ci ha insegnato a sperare perché ci ha testimoniato in verità proprio questo: c’è sempre una seconda possibilità che ci viene data, a noi decidere se accogliere la mano che ci viene tesa. A noi decidere…di scegliere la vita!

 

Traduttore

Liturgia del Giorno

Ultime notizie

Dove siamo

Click to open a larger map

Clicca per ingrandire